STATUTO

- Art. 1 - Costituzione e sede

E' costituito il Comitato denominato "Comitato Popolare In Difesa Del Brustolè" con sede a Velo d'Astico, Municipio in via IV novembre.


- Art. 2 - Principi

Il Comitato, apartitico e senza fini di lucro, si ispira al principio della tutela del territorio, della sicurezza e qualità della vita della popolazione.


- Art. 3 - Finalità

Il comitato si costituisce con lo scopo di difendere e consolidare le istanze popolari in merito ai principi espressi nell'Art. 2.
Il comitato si propone:

  1. di opporsi ad ogni offesa derivante da fatti ed opere di impatto dannoso per il territorio, l'ambiente, la cultura, la paesaggistica locale.
  2. di promuovere una cultura dei trasporti e della mobilità nel rispetto della salute e dell'ambiente.
  3. di promuovere azioni di opposizione al progetto di asportazione alla massa franosa denominata "Frana del Brustolè".

- Art. 4 - Soci

  1. Può diventare socio chiunque si riconosca nello statuto, ne condivida i principi e le finalità indipendentemente dalla propria convinzione politica e/o religiosa, dalla cittadinanza o appartenenza etnica, purchè maggiorenne.
  2. Il numero di soci è illimitato.
  3. I soci si classificano in fondatori, sostenitori e ordinari.
    Sono soci fondatori: Gilberto Manfron, Elena Lorenzato, Ivana Dall'Osto, Giuseppe Busato, Sofia Sella, Giovanni Capello, Annalisa Ogeniti, Morena De Pretto, Rita Menegante, Lorena Fontana, Carla Zavagnin. Per soci sostenitori si considerano coloro che forniscono un contributo economico al Comitato.
    I soci ordinari sono tutti i cittadini, le associazioni e gli enti che sottoscrivono l'adesione nell'apposito modulo predisposto dal Consiglio Direttivo.

- Art. 5 - Diritti e doveri

Tutti i soci hanno diritto a partecipare attivamente alla vita dell'associazione e alle sue manifestazioni. Gli associati ordinari hanno l'obbligo di concorrere alla realizzazione degli scopi del Comitato e devono attenersi alle norme del presente statuto. Essi svolgono la propria attività in modo personale, volontario e gratuito. Tutti i soci sono eleggibili a qualsiasi carica, purchè risultino iscritti al Comitato da almeno trenta giorni prima della convocazione dell' assemblea dei soci per il rinnovo del direttivo.


- Art. 6 - Recesso ed esclusione del socio

  1. Il socio può recedere dal Comitato mediante comunicazione scritta al Consiglio Direttivo.
  2. Il socio che contravviene ai doveri stabiliti dal presente statuto può essere escluso dal Comitato. L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo.


- Art. 7 - Organi sociali

Sono organi del Comitato: - Assemblea dei soci - Il Consiglio Direttivo - Il presidente - Organo di controllo


- Art. 8 - Assemblea dei soci

L'assemblea dei soci è l'organo sovrano ed è composto da tutti i soci. L'assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione esclusivamente tramite sito ufficiale internet se è presente la maggioranza degli iscritti. In seconda convocazione da tenersi lo stesso giorno, qualunque sia il numero dei presenti. All'apertura di ogni seduta l'Assemblea elegge un Presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale.


- Art. 9 - Compiti dell'Assemblea

Compito dell'Assemblea è quello di decidere sugli indirizzi generali dell'attività del Comitato proposti dal Consiglio Direttivo o dall'Assemblea. L'assemblea nomina il Consiglio Direttivo.


- Art. 10 - Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è formato da 11 membri compreso il presidente che viene eletto al suo interno. In sede di prima costituzione il Consiglio Direttivo è costituito dai soci fondatori di cui all'art.4, 2° comma. Il presidente e i componenti durano in carica due anni. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando è presente la maggioranza dei componenti. Le deliberazioni sono assunte dalla maggioranza dei componenti. In caso di parità prevale il voto espresso dal Presidente. Il Consiglio Direttivo compie tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione non espressamente demandate dall'Assemblea. Al Consiglio Direttivo compete la questione economica dell'organismo. A tale scopo nomina un tesoriere. Il Consiglio Direttivo nomina al suo interno un segretario verbalizzante.


- Art. 11 - Il Presidente

Il presidente ha la rappresentazione del Comitato, convoca e presiede il Consiglio Direttivo. Il Presidente sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dal Comitato e in caso di urgenza prende i provvedimenti che poi saranno notificati al Consiglio. Può aprire e chiudere c/c bancari e postali e procedere ad incassi ed effettuare pagamenti.


- Art. 12 - Organo di controllo

L'organo di controllo è costituito da un unico revisore scelto tra persone esperte in campo contabile amministrativo che effettuerà il lavoro senza compenso.


- Art. 13 - Pubblicazioni ed informazioni

- Art. 14 - Scioglimento

Lo scioglimento del Comitato potrà avvenire solo con l'approvazione e la votazione dell'Assemblea con la maggioranza dei 2/3 dei presenti. In tal caso eventuali fondi di cassa saranno devoluti in beneficenza a soggetti da individuarsi con la medesima delibera di scioglimento.




comitato per la difesa della frana del brustolè
il presidente Elena Lorenzato



:: sito realizzato con software open source :: ottimizzato per Mozilla Firefox ::