comitatobrustole.org
Poesie

Laselo stare

El someja un vecio, straco e sentÓ,
coi brasi larghi cascÓ, e na man che se tien forte el cuore,
come stare a scoltare se el batito de st˛ vecio xe regolare.
Un vecio che in silensio, gÓ tanto lavorÓ,
sensa mai lagnarse, sensa mai domandare
tanto straco, che nol gÓ gnanca la forsa de dire
no stŔ a farme male, lasŔ stare, stŔ fermi, laseme raposare.
E co a forsa che ghe resta, co na man se tien streto el cuore,
che qualcuni vol cavare.
Si lo so g˛ un sbrego grande, ma el xe drio sanguinare,
e le de un vecio che no gÓ vose, portŔ rispeto, laselo stare.
Mi no g˛ gnente da reclamare, son solo un vecio, e come tuti i veci
feme un piasere laseme stare.
A ghe sarÓ un dio de le montagne che sÓ vardare anca da un buso
un buso che me son trovÓ, col andar dei ani
e che a volte me fÓ belo, qundo distÓ a meto su un mantelo,
si da tanti ani xe sepre quelo, sia che ghe sia el caldo,
sia che ghe sia el gelo.
Su de mi a g˛ lasÓ che i fasa de tuto, case, strade, taiÓ piante,
copÓ osej, aluvion, i me ga anca da fogo
e no go mai parlÓ.
Sto ano a g˛ un tormento che me rosega pi del sbrego ca g˛ dentro
Xe la voia de capire se col tempo el me nome cambiarÓ
E dopo esare stÓ scavÓ, sbregÓ e copÓ,
Non sarÓ pi monte PRIAFORA'ůů.
Saralo forse r.a. ?

autore Mario Veronese

 

BrustolŔ
Co' 'sto nome parfin da rýdare
Ma che 'l dise del sole
Chi vuto che te bada
Chi vuto che te creda
Importante in te la vale
Do' tutti ga pressia
Ca vegna sabo
Par 'nare via
E desmentegarse
Del to tribolamento

PriaforÓ
Le sabie tamisÓ dal mare
e i raboti dal tondi
lissiÓ da fermi
in tel tormento
de milioni de ani.
I te porta via,
i te vende,
e i ne lassa col buso
de la to malinconia.

BrustolŔ
Chi ze che te porta via
proprio 'desso
che te ghŔ sconto
le to piaghe
co' puchi fiuri
e mus'cio fadigÓ
davanti al sole
de la to costiera
fermÓ come on segno
de la man de Dio
al passaio de l'aqua
de la nostra vale pý sconta
e cara?

BrustolŔ
Con questo nome perfino ridicolo
Ma che racconta del sole
Chi vuoi che ti badi
Chi vuoi che ti creda
Importante nella valle
Dove tutti hanno fretta
Che venga sabato
Per partire
E dimenticarsi
Della tua sofferenza

PriaforÓ
Le sabbie filtrate dal mare
e i massi levigati
lisciati nell'immobilitÓ
tormentosa
di milioni di anni.
Ti portano via,
ti vendono,
e ci lasciano con il vuoto
della tua malinconia.

BrustolŔ
Chi Ŕ che ti porta via
proprio adesso
che hai nascosto
le tue ferite
con pochi fiori
e muschio stento
in faccia al sole
della tua costiera
fermata come un miracolo
della mano di Dio
allo scorrere dell'acqua
della nostra valle pi¨ nascosta
e cara?
Tentazioni e mode.
Inportante, soe ,sˇe, prŔssia, prÚssia, prÚsia.
Buxo, de ea to malinconia.
Che xe, fior, mus-cio, soe de ea to costiŔra, costiÚra, pssajo, pasajo, Ócoa, valů
BrustolÚ, BrustolŔ, BrustoÚ, BrustoŔ
autore Bepi De Marzi
comitatobrustole.org